la tomba delle bighe a Tarquinia

19 Gen
19 gennaio 2014

La TOMBA DELLE BIGHE: A Tarquinia nel 490 a.C., anno intorno a cui si data questa tomba,  gli etruschi non erano abituati a vedere raffigurazioni pittoriche ottenute con l’uso della prospettiva. Il pittore di questa tomba invece padroneggiava questa tecnica e sapeva come liberare le figure nello spazio, eppure … non lo poteva fare perché nessuno l’avrebbe capito. Studia quindi un espediente. Si tenga conto che la caratteristica principale della decorazione della tomba sono i due fregi che suddividono le pareti, il più alto è il fregio piccolo ed è a fondo bianco, quello più in basso è il fregio grande ed è a fondo rosso. Che cosa fa il pittore? sperimenta la prospettiva solo nel fregio più piccolo, dove dipinge immagini di tre quarti, a pieno prospetto e di spalle. E qui proprio dove sono rappresentati i giochi pubblici, dimostra la sua bravura, quello che sapeva fare. Nel fregio grande, al contrario, dove trova spazio la scena del banchetto (la più antica dipinta sul fondo di una tomba), vuole rimanere sul sicuro, dipinge quello che sapeva la gente poteva comprendere, usa pochissima prospettiva, figure si in torsione lieve, ma che rimangono nel canone della tradizione classica.

Il pittore appare è disinvolto anche nell’uso della tecnica pittorica. Il contrasto fra i colori non è casuale, lui conosceva perfettamente le ceramiche con figure rosse che allora circolavano in Etruria, ed è come se si fosse proposto di sperimentarne l’effetto anche in una tomba.

Sempre nel fregio piccolo, gli spettatori seduti su tribune di legno, assistono ai giochi funebri delle bighe in primo piano. Sotto le tribune, ci sono dei giovani che si abbandonano a scene erotiche. Scene del genere le avremmo probabilmente viste in quell’epoca anche nel Circo Massimo.

I dipinti già in cattive condizioni nel 1827 quando furono scoperti, stavano deteriorandosi in fretta, nel 1949 furono asportati e portati in atmosfera controllata dentro una sala del museo di Tarquinia, in attesa di essere visitati. Forse un giorno con visite guidate organizzate dalla nostra associazione, in ogni caso con la consapevolezza di trovarci di fronte a una sperimentazione straordinaria per l’epoca, tale da renderla per noi contemporanei, nonostante il pessimo stato di conservazione, un capolavoro assoluto dell’Arte Antica.

Commenta

comments

Tags: , ,
2 replies
  1. Couponrani says:

    For sure, often a very good item of article which has been see by many years very long time. Execute as well check-out my personal page.

  2. seo says:

    Hello Web Admin, I noticed that your On-Page SEO is is missing a few factors, for one you do not use all three H tags in your post, also I notice that you are not using bold or italics properly in your SEO optimization. On-Page SEO means more now than ever since the new Google update: Panda. No longer are backlinks and simply pinging or sending out a RSS feed the key to getting Google PageRank or Alexa Rankings, You now NEED On-Page SEO. So what is good On-Page SEO?First your keyword must appear in the title.Then it must appear in the URL.You have to optimize your keyword and make sure that it has a nice keyword density of 3-5% in your article with relevant LSI (Latent Semantic Indexing). Then you should spread all H1,H2,H3 tags in your article.Your Keyword should appear in your first paragraph and in the last sentence of the page. You should have relevant usage of Bold and italics of your keyword.There should be one internal link to a page on your blog and you should have one image with an alt tag that has your keyword….wait there’s even more Now what if i told you there was a simple WordPress plugin that does all the On-Page SEO, and automatically for you? That’s right AUTOMATICALLY, just watch this 4minute video for more information at. Seo Plugin

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento