Le antiche terme di Aquino

07 Ott
7 ottobre 2016

Un’iscrizione che già da sola varrebbe tutto il lavoro condotto dal 2009 ad oggi. Negli ultimi mesi gli scavi dell’antica Aquinum, ricompresi all’interno del territorio comunale dell’odierna Castrocielo, hanno restituito tesori che l’hanno resa di fatto il sito archeologico più importante dell’area compresa tra Roma e Napoli. In occasione dell’Open Day autunnale (30 settembre – 2 ottobre) i visitatori del sito hanno potuto ammirare i resti di mosaici in bianco e nero (dal III sec. a.C. sempre più diffusi nell’edilizia pubblica di municipi e colonie romane) posti a pavimentazione di un esteso edificio termale che proprio ad Aquino, più che altrove, non poteva mancare, essendo il toponimo stesso spia di una speciale vicinanza di quei luoghi all’acqua – e le acque, oltre che del fiume Melfa citato dallo storico Strabone, erano anche quelle dei tre antichi laghi, poi prosciugati, che, ai piedi del monte Cairo, lambivano la città.

Tra le testimonianze pavimentali spicca per importanza storica l’enorme epigrafe onoraria (lunga oltre 9 metri, disposta su due linee) intitolata al duoviro Marcus Veccius, soprintendente ai lavori di costruzione delle terme di cui – si apprende dall’iscrizione – fu anche il finanziatore:

M VECCIVS M F IIVIR QVINQ ITER BALNEVM VIRILE ET MVLIEBR CRYPTAM PALAEST ORNAMENTA DE SUA PECVNIA FACIVNDA CVRAVIT

MARCO VECCIO, FIGLIO DI MARCO, DUUMVIRO QUINQUENNALE PER LA SECONDA VOLTA, LE TERME MASCHILI E FEMMINILI, LA CRIPTA, LA PALESTRA E LE DECORAZIONI FECE REALIZZARE A SUE SPESE

Delle vere e proprie rarità sono poi gli altri due mosaici pavimentali rinvenuti nelle terme, poco distanti dall’iscrizione: da un lato un rinoceronte, figura sicuramente inusuale per il luogo di rinvenimento, sebbene condivida la provenienza (Africa) con l’altro animale che più frequentemente si ritrova rappresentato in complessi termali, l’ippopotamo; dall’altro, nella sala delle latrine, una scena gaudente ad ambientazione nilotica, nella quale un’imbarcazione con prua zoomorfa fa da “giaciglio” all’accoppiamento tra una donna e un giovane vestito unicamente da un kantharos, indossato a mo’ di cappello. Una simbologia bacchica che costituisce una sorta di corrispettivo visivo del famoso epitaffio: “Balnea vina Venus corrumpunt corpora nostra, sed vitam faciunt” (“i bagni, il vino e il sesso corrompono i nostri corpi, ma fanno bella la vita”). Sono inoltre ben visibili, in corrispondenza delle vasche, tracce di combustione prolungata, che insieme alle pilae e ai tubuli segnalano l’area dell’ipocausto.

A questa città di pianura evidentemente non bastarono l’imponente cinta muraria e il profondo fossato (largo circa 20 metri) realizzati sui lati nord, ovest e sud (mentre il lato orientale era difeso naturalmente dai laghi di cui si è detto sopra) per scampare alle devastazioni – e alle spoliazioni – perpetrate dai longobardi sul finire del VI sec. A seguito di quegli eventi la città venne poi ricostruita sulla riva opposta dei laghi, verso oriente, costituendo così il nucleo originario dell’odierna Aquino.

Appare però evidente che uno spopolamento completo dell’antica Aquinum non vi fu mai, soprattutto se si considerano le sepolture posteriori, di epoca tarda, rinvenute a ridosso degli spazi termali, nonché gli scarti di macellazione e le tracce di cereali che hanno confermato l’esistenza in loco di insediamenti di epoca bassomedievale.

L’equipe guidata dal professor Giuseppe Ceraudo dell’università del Salento ha concluso da poco la sua ottava campagna di scavo. Oltre agli importanti risultati raggiunti di recente, ha mappato in questi anni quelle che, si spera, saranno le prossime strutture a venire alla luce.

L’area finora scavata è infatti solo una piccola parte dell’antica colonia romana di Aquinum, che nei tempi più floridi arrivò ad abbracciare i territori attuali non solo di Aquino, ma anche di Roccasecca, Colle San Magno, Castrocielo, Piedimonte San Germano, Villa Santa Lucia, Pontecorvo e parte di Esperia.

Che dire, a questo punto non ci resta che aspettare.

Verso la Roma Barocca – Un piccolo riassunto

20 Set
20 settembre 2016

Verso la Roma Barocca. Osservando fontane come quella della Barcaccia in Piazza di Spagna si apprende il valore fondamentale dell’acqua a Roma, tutta la vitalità che questo elemento trasmette al paesaggio. Durante il XVII sec. grazie ai papi del tempo furono costruiti nuovi acquedotti, e l’acqua, come il sangue che circola dentro Read more →

Il Tempio della Concordia Augusta

30 Mar
30 marzo 2016

Nell’area del Foro Romano subito ai piedi del Campidoglio, separato solo da un breve spazio dal tempio di Vespasiano e Tito, si trova quanto rimane del grandioso podio del tempio della Read more →

Il Tempio del Divo Vespasiano

14 Mar
14 marzo 2016

L’area occidentale del Foro Romano ai piedi del colle Capitolino è occupata da tre importanti edifici che si appoggiano alla mole del Tabularium: il Portico degli Dei Consenti, il Tempio di Vespasiano e il Tempio della Concordia. L’edificio centrale, ovvero Read more →

Museo nazionale dell’Alto Medioevo – MAME

12 Mar
12 marzo 2016

 

Il Museo Nazionale dell’Alto Medioevo di Roma – MAME è un luogo eccezionale da visitare. Gli oggetti conservati ci conducono alla scoperta di un periodo storico per molto tempo ignorato, spesso proprio a causa della scarsità di dati dagli scavi archeologici.

La prima sala costituisce un Read more →

Galleria comunale d’Arte Moderna e contemporanea

10 Mar
10 marzo 2016

Tra le prime istituzioni museali della Roma post-unitaria, la Galleria d’Arte Moderna è probabilmente quella che ha vissuto la storia più tormentata. La sua inaugurazione, negli anni Venti del Novecento, fu infatti soltanto il punto di arrivo di Read more →

“Questo direttore lavora troppo. Così non va”. Chi l’ha detto?

08 Mar
8 marzo 2016

“Questo direttore lavora troppo. Così non va”. Chi l’ha detto?

Si tratta di un virgolettato, che riporto qui così come io e altre centinaia di migliaia di cittadini italiani lo abbiamo letto in rete. Dove lo abbiamo letto? In un post su Facebook del presidente del Consiglio Matteo Renzi, che il 4 marzo scrive:

“ ’Questo direttore lavora troppo’. Così non va. Questo il grido d’allarme lanciato contro il nuovo direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori. L’accusa sembra ridicola, in effetti lo è. I sindacati che si lamentano di Felicori, scelto dal governo con un bando internazionale, dovrebbero rendersi conto che il vento è cambiato. E la pacchia è finita!”. Read more →

Ruderi e vegetazione fra Ottocento e fascismo

05 Mar
5 marzo 2016

Nei secoli scorsi un rudere su cui era abbarbicata l’edera poteva costituire un’espressione tipica nel paesaggio della campagna romana.

Nel nome di una Roma che fuit i viaggiatori all’epoca del Grand Tour avevano cantato e dipinto il valore estetico della flora spontanea sulle rovine. Una presenza, questa, che a volte ci appare idealizzata, soprattutto se la ricerchiamo nelle Read more →

La battaglia di Adrianopoli. Migranti alle porte d’Europa.

05 Set
5 settembre 2015

Nel 376 d.C. un popolo di stirpe germanica, spinto dalla pressione devastatrice degli unni, che aveva destabilizzato e azzerato la sicurezza dell’intera regione pontica, giunge terrorizzato sulla linea di confine orientale dell’Impero Romano. Erano migranti goti, che chiedevano e si aspettavano dall’Impero della Nuova Roma di poter essere accolti dentro i confini imperiali, nei territori Read more →

Mirone di Eleutere

09 Giu
9 giugno 2015

L’originale del gruppo statuario di Atena e Marsia doveva fare mostra di tutto il suo splendore bronzeo nell’acropoli dell’Atene classica. Siamo fra il 460 e il 430 a.C., momento nel quale la scultura greca sta compiendo il decisivo passaggio dallo stile severo allo stile classico, conquistando cosi la capacità di rappresentare la Read more →