L’Orto Botanico di Roma. Le piante, il tempo, lo spazio.

21 Mag
21 maggio 2018

L’Orto Botanico di Roma – Se a primavera, in aereo, sorvolerete il Mar Baltico, fra la Danimarca e la Finlandia, potrete vedere il mare ricoperto di giallo. Sono giganteschi aloni galleggianti formati da tonnellate e tonnellate di polline provenienti dalle foreste dei pini che crescono a quelle latitudini così estreme.

Le conifere sono piante molto antiche e insieme alle felci particolarmente diffuse durante l’epoca dei dinosauri, che ne andavano ghiotti. Ecco perché la dentatura di molti sauropodi erbivori è così robusta. Eppure, il grande dispendio di energia richiesto loro per la produzione del polline ha fatto sì che a lungo andare questo gruppo di piante non si rivelasse competitivo. Centoquaranta milioni di anni fa si sono, infatti, diffuse le piante con i fiori.

Il fiore non fa altro che affidare un unico granulo pollinico ad un insetto piuttosto che ad un colibrì, che come un postino con una lettera, lo prende in carico portandolo a destinazione su un altro fiore. Molte specie delle piante con i fiori sono capaci di cicli vitali brevissimi, anche più brevi di una stagione, e per questo si sono diffuse e diversificate a velocità incredibile su tutto il pianeta, occupando i posti più favorevoli alla vita e relegando le conifere agli angoli più scomodi, come le scogliere del mare, le altitudini e le latitudini estreme di entrambi gli emisferi.

Passeggiando nella zona delle conifere dell’Orto Botanico, fra esemplari di pini e sequoie di svergognata bellezza, è possibile capire perché conoscere le piante sia importante per leggere il paesaggio che ci circonda. Ci dà la prova di ciò una grande famiglia delle piante a fiore, le Fagaceae, di cui fanno parte i faggi, i castagni e le querce. Questa famiglia costituisce il raggruppamento di piante arboree più importante dei nostri boschi. L’Orto Botanico conserva un tratto di foresta mediterranea, costituita in buona parte da querce, che ci indica come dovevano apparire le foreste ripariali del Tevere prima dell’arrivo dei romani.

Gli acanti dell’Orto Botanico, che possiamo osservare in fiore in questo periodo, annunciano l’inizio della foresta mediterranea. Il suo fiore bellissimo capace di conquistare l’insetto, ci testimonia che la bellezza è un fenomeno fisico universale, un fenomeno capace di travalicare le barriere di specie.

Seguite i nostri eventi per partecipare alle Visite Guidate Roma Fuit previste all’Orto Botanico di Roma e a quello di Londra.

 

Splendido pavimento bizantino torna alla luce: sorpresa in una moschea turca

30 Nov
30 novembre 2017

Avete presenti i caratteristici tappeti delle moschee su cui i fedeli pregano e camminano scalzi? Accade soventemente in Turchia che alzandoli tornino alla luce gli splendidi fasti dell’epoca bizantina. Moltissime chiese infatti, dopo la conquista ottomana, furono semplicemente riconvertite in moschee. Bastava coprire i pavimenti con dei tappeti e soprattutto imbiancare le pareti per Read more →

La Basilica di San Crisogono in Trastevere e i suoi ambienti sotterranei

28 Nov
28 novembre 2017

Situata nella zona di Trastevere, in piazza Sonnino, sorge la Basilica di San Crisogono. Attualmente la chiesa si presenta, agli occhi del visitatore, con la monumentale facciata barocca, eseguita per volontà del cardinal Scipione Borghese, del quale sono visibili i simboli dello stemma, aquila Read more →

Catacombe Santi Marcellino e Pietro. Torpignattara.

13 Nov
13 novembre 2017

Sull’antica via Labicana (attuale via Casilina), dove sorge il Mausoleo di Elena comunemente conosciuto come Torpignattara, furono scavate le catacombe dei SS. Pietro e Marcellino. Si tratta di un esteso complesso di sepolture cristiane, installatosi nel luogo dove era precedentemente collocato il cimitero degli Equites Singulares Augusti. L’avvento di Costantino e la politica filo cristiana avviata dall’imperatore fecero sì che Read more →

Scultura in “technicolor”

13 Ott
13 ottobre 2017

Le sculture antiche erano sicuramente dipinte e con colori vivaci, allora perché noi moderni preferiamo immaginarle bianche e anzi al Read more →

Il Santuario di Giove Laziare e il Trionfo albano.

22 Set
22 settembre 2017

Il mons Albanus (Monte Cavo) con i suoi 949 m di altezza è l’altura più alta del massiccio vulcanico dei colli Albani. Per questo motivo in antico ospitò il maggiore culto federale dei Prischi Latini: quello di Read more →

Perché è utile parlare dei santuari repubblicani del Lazio?

13 Set
13 settembre 2017

Parlare dei santuari repubblicani del Lazio è trattare non solo di architettura e gusto artistico, ma indagare anche gli aspetti più intimi e vitali della società che li hanno realizzati. C’è stato un momento nella storia tardo repubblicana di Roma in cui avvenne un Read more →

L’Augusto di Prima Porta.

05 Set
5 settembre 2017

 

“Giurò sulle mie parole tutta l’Italia”  (da Res Gestae Divi Augusti, I, 5).

L’Augusto di Prima Porta è stato ritrovato, il 20 aprile del 1863, nella Villa di Livia ed è ora conservato nei Musei Vaticani. Si tratta del ritratto loricato più famoso dell’imperatore e Read more →

Il primo donario di Pergamo

23 Gen
23 gennaio 2017

I Celti (chiamati Galli dai Romani e Galati dai Greci in età ellenistica) occupavano ampie zone dell’Europa centrale e occidentale dalle quali si spinsero verso sud, penetrando nella penisola italiana e in quella Read more →

Le antiche terme di Aquino

07 Ott
7 ottobre 2016

Un’iscrizione che già da sola varrebbe tutto il lavoro condotto dal 2009 ad oggi. Negli ultimi mesi gli scavi dell’antica Aquinum, ricompresi all’interno del territorio comunale dell’odierna Castrocielo, hanno restituito tesori che l’hanno resa Read more →